www.viaggioaustria.com

Viaggio in Austria - Musica tedesca

Franz Kafka - la scrittura immanente

Introduzione all'opera di Kafka

Franz Kafka:
"Das Schloss"

Franz Kafka. La scrittura immanente

La lettera al padre

Le opere di Kafka in internet

Kafka in libreria

Franz Kafka: le risorse di internet

Robert Musil

Arthur Schnitzler

Stefan Zweig

Georg Trakl

Joseph Roth

Felix Salten

Rainer Maria Rilke

Franz Kafka

Adalbert Stifter

Christoph Ransmayr

Thomas Bernhard

Alfred Kubin

Assistenza

Tesi di laurea e tesine

Newsletter

Contatto & copyright

Franz Kafka: Il castello

Franz Kafka:
"Il castello"

Home > Letteratura austriaca > Franz Kafka > Franz Kafka. La scrittura immanente

Questo testo di Elisabetta Bertozzi prende in esame i racconti di Kafka tracciando, ove necessario, un parallelo con alcuni punti ripresi dalle opere autobiografiche, soprattutto dai Diari, nella constatazione che esiste un parallelo, nemmeno troppo nascosto, tra alcuni momenti ed eventi della vita dell'autore e i contenuti oggetto della sua letteratura.

Leggete di seguito un brano tratto dall'introduzione del libro.
Per ordinare il testo intero vedete il link in basso.

Franz Kafka. La scrittura immanente
di Elisabetta Bertozzi

"Dove - nelle lettere e nei diari di Franz - parla l'angoscia, si tratta di un'angoscia motivata: l'angoscia di un uomo gravemente malato, che già nei suoi giovani anni sa che non può guarire, che è perduto"
(Max Brod, Il Circolo di Praga, Roma, 1983, ed. e/o, p. 90)
.

Introduzione del libro:

Ho scritto queste pagine senza la presunzione di esaurire l'esame della tematica kafkiana, e senza volermi sovrapporre alla critica già esistente, dato che ho considerato l'opera di Kafka da un punto d'osservazione molto particolare. Ho infatti posto l'accento sulla motivazione intrinseca della sua scrittura, tralasciando elementi esistenziali e culturali in essa presenti, e trovando interessante mettere in luce un particolare punto di vista emerso a poco a poco dalla lettura dei suoi racconti [1].

Ciò che ho ritenuto utile considerare è il rimando esistenziale della scrittura kafkiana, che nasce e si svolge come una letteratura immanente alla vita, anche se ad un primo impatto può apparire opera di mero esercizio intellettuale.
La critica - divisa tra moduli interpretativi di tipo psicanalitico, metafisico, esistenzialistico e altri per la difficoltà d'interpretazione dovuta ad un'effettiva scissione tra la forma e il suo contenuto [2] - non ha finora potuto univocamente individuare in quel mondo di cifre, simboli e metafore un rimando significativo che a mio avviso va ricercato nell''Erlebnis' dell'autore.

E' così sull'elemento soggettivo, anzi, su un particolare elemento soggettivo che ho concentrato la mia attenzione, considerando la malattia da cui era affetto e di cui morì nel 1924, cioè la tubercolosi polmonare [3], come punto centrale della sua esperienza e motivo ispiratore fondamentale della sua opera, agente dall'interno dell'essere [4]. La malattia è stata da me esaminata nei suoi sintomi, che gettano riflessi - non mediati - sulla sua narrativa e diventano elementi costitutivi di base determinanti nessi intrinseci dell'invenzione letteraria e costituiscono il senso, sempre supposto e mai trovato, della sua scrittura, rilevato ora non tanto all'interno del mondo dei significanti, ma di quello dei significati; del contenuto e non semplicemente della forma, spesso assurta a significato essa stessa per la difficoltà di ricostruire e riconoscere la genesi dell'opera kafkiana [5]. Ho ribaltato così questa ipotesi mostrando come nell'opera di Kafka sia presente, in modo chiaro e non semplicemente "allusivo" [6], il mondo dei significati.

Non ho invece preso in considerazione altri importanti aspetti culturali - tra questi il suo contrastato rapporto con la cultura ebraica e con la vita intellettuale di Praga - che hanno senz'altro influito sulle sue scelte tematiche e formali ma che sono posteriori rispetto alla necessità vitale della sua scrittura.
Ciò che ha stimolato la mia curiosità è stata la complessità delle figure della sua opera, ma anche la particolare attrazione esercitata dal linguaggio, apparentemente sempre sul punto di svelarci un mistero che non si svela mai.

Il riflesso prodotto dal gioco di specchi in cui la sua realtà di volta in volta si trasforma o deforma, attraendo o respingendo la nostra curiosità, mi suggeriva l'idea di un qualcosa in parte voluto da parte dell'autore e la sensazione che tra le righe della sua opera il mistero potesse anche essere stato svelato, ma la sua comprensione finora preclusa.
Kafka, nel caso abbia effettivamente voluto stabilire una specie di gioco col lettore, avrebbe avuto l'abilità di seminare tracce senza mai svelare la strada, di frammentare i suoi argomenti senza permetterci di raccoglierli e interpretarli in un significato compiuto. Non meno attraente è il gioco del suo linguaggio che pone la domanda relativa all'uso di uno stile asciutto ed essenziale [7] per esprimere verità tanto personali e una sensibilità così sottile, e la sensazione che possa trattarsi di un tentativo di prendere delle distanze [8]. Ma da cosa?

E ancora mi sono chiesta come mai Kafka tenti questo gioco di seduzione col suo lettore e perché la sua scrittura sia stata per lui così importante. Che la sua opera abbia un valore introspettivo appare evidente se superiamo il primo forte impatto che le sue figure provocano, e il senso di disagio e di disorientamento che ne possiamo ricavare. Restare troppo legati alla forma e alle immagini può trarre in inganno, essere avvincente ma solo in superficie.

Non è d'altra parte necessario, per ora, chiedersi quale sia il loro significato filosofico, o se ne abbiano uno. Le immagini della letteratura kafkiana non vanno interpretate come un mondo concluso e impenetrabile, a saperle ben leggere esse costituiscono l'espressione di un "mondo interiore" [9] che, per essere così personale, particolare e diverso dalla normale esperienza della vita e del mondo, si configura come "incomunicabile"[10] - in base al senso comune - intraducibile in parole, e perciò codificabile solo attraverso un mondo di simboli e metafore [11] che consentono di esprimere l'interiorità senza esporla al rischio di venire incompresa o fraintesa, o eccessivamente esposta al giudizio altrui.

Note:

[1] Questo è comunque un solo taglio possibile dell'opera kafkiana, certamente non esaustivo della sua problematica. Tutto quanto attiene ad esempio al suo rapporto con la tradizione letteraria e con gli autori da cui ha attinto forme e figure non è tema di questo saggio e viene solo fuggevolmente accennato. Lo stesso dicasi del suo rapporto con l'ebraismo, da cui ha preso motivi da lui poi rielaborati.

[2] "Die Form ist nicht der Ausdruck des Inhaltes, sondern nur sein Anreiz, das Tor und der Weg zum Inhalt" scrive Fritz Martini (op. cit. p. 307) riportando Janouch. Tale osservazione è la prima evidente constatazione di chiunque, lettore o critico, si accosti alla narrativa kafkiana, e il punto principale su cui s'innesta il tentativo d'interpretazione delle sue opere. E' anzi ciò che maggiormente stimola alla sua interpretazione e che ha determinato le più svariate conclusioni. Lukács ad esempio dice che il mondo letterario di Kafka è "allegoria di un trascendente nulla" (Rc. 60), mentre W. Emrich osserva che non è possibile trovare un senso determinato di tipo filosofico religioso o concettuale al di sotto delle sue forme (op. cit. p. 77) cosicché non si tratterebbe né di parabole né di allegorie intese in senso classico, poiché queste hanno sempre un chiaro riferimento interpretativo.
Hanno parlato di "allegoria" Lukács (Rc 44) e Adorno (Pr 250); Norbert Fürst parla di "allegoria" a proposito dei romanzi (OG 17, 21) e di "parabola" a proposito dei racconti (ivi 7-8), ma il primo che parlò di "parabola" fu Benjamin (AN). Max Brod considerando la particolare pregnanza della lingua kafkiana parla di simbolo, perché "il simbolo sta contemporaneamente sui due piani, su quello che esso indica per allusione e sul piano oggettivamente reale" (Br 176), mentre Ladislao Mittner parla di un "simbolismo assurdamente indecifrabile" (Ksk 263) compresente al realismo della narrazione, in cui il realismo estremo di una realtà incomprensibile si fa simbolo della sua stessa indecifrabilità. Talora questi simboli hanno un senso immediato, ma la loro vera origine e intenzione va oltre, e resta oscura. Günther Anders dice che Kafka non possiede la "fede comune" che è alla base del simbolo, ma ha a sua disposizione solo la dimensione del linguaggio, dal cui "carattere figurativo" egli attinge prendendo "in parola le parole metaforiche" (Kp 55), facendone il senso della propria narrativa, trasformando cioè le immagini della lingua in racconto. Le sue immagini quindi non sarebbero pure invenzioni, ma estrinsecazioni di espressioni già esistenti nella lingua, nel suo senso figurato, col quale Kafka crea le sue metafore. Baioni infine parla sia di simbolo (BK 25) che di allegorie e metafore (ivi 19, 240) propendendo per queste ultime. Ma in sostanza il problema di cosa si nasconda dietro tali figure, e se vi si nasconda qualcosa, non ha trovato una risposta universalmente accettata. Fritz Martini nega la possibilità in Kafka tanto dell'allegoria quanto del simbolo, poiché quest'ultimo indica una "Einheit von Ding und Welt, Ich und Welt" (WS 321) in lui non più presente. Il simbolo si è trasformato in "bildhaftes Zeichen" (ivi 322) per la perdita del suo valore universale.

[3] Negli ultimi anni la malattia si era estesa alla trachea.

[4] Ho trovato tracce di un'interpretazione in chiave di malattia nelle introduzioni di Alberto Spaini al "Processo" e ad "America". Egli, con notevole capacità intuitiva ed interpretativa, vede la condizione di Josef K. simile a quella di chi si ritrova improvvisamente ammalato e ne coglie la somiglianza di stati d'animo, ma senza descriverne sintomatologia o origine. Ma soprattutto chi più di ogni altro individuò il tema della malattia nell'opera kafkiana (limitatamente tuttavia al "Processo") è Norbert Fürst. In "Die offenen Geheimtüren Franz Kafkas" egli ne ha fornito una convincente e puntuale analisi di tipo testuale, rilevando in quel romanzo tanti precisi riferimenti alla malattia individuati non più semplicemente su base intuitiva, utilizzando un metodo d'indagine che disvela il significato allusivo delle figure e di tanti particolari presenti nell'opera. Ho tenuto conto di questa preziosa interpretazione, ma in questo saggio ho esteso l'interpretazione ai racconti, a mio avviso i più significativi e chiarificatori rispetto a tale tematica. Spero anche di essere riuscita qui a dimostrare questa teoria dal punto di vista biografico, dato che la storia della vita di Kafka a mio avviso documenta l'insorgere della malattia, e della relativa problematica, fornendo precise indicazioni di tempi e luoghi. Sono comunque convinta del fatto che tutta l'opera di Kafka sia pervasa da tale problematica.
Lascia aperto un dubbio in tal senso, sempre a proposito del "Processo", Marthe Robert (op. cit. p. 163), e anche Mittner individuò in esso tracce di tale tematica (Ksk 283). Vi è inoltre Pietro Citati che osserva a proposito della "Metamorfosi" che "la madre e la sorella hanno, per lui, l'insofferenza che si può avere per un congiunto colpito da una malattia incurabile…" (op. cit. p. 72).

[5] E' la tendenza della critica "immanente all'opera", che ricerca il "significato" delle immagini kafkiane nelle immagini stesse. Emrich afferma: "Die Bilder und Aussagen Kafkas sind doch das "Eigentliche" selbst. […] Jedes Wort und jedes Bild meint in der Tat sich selbst freilich in einem Sinne, der sich erst in der Synthesis aller Teile des Werkes erschließt" (op. cit. p. 78). Baioni tende ad un superamento di tale posizione critica ricercando "l'origine" e "l'intenzione" (op. cit. p. 12) della scrittura kafkiana.

[6] QO 724.

[7] Kafka sembra utilizzare una procedura stilistica utile a spogliare gli oggetti di ogni connotazione, o commento, sentimentale o anche solo emotivo, per potere, prendendone le distanze, meglio studiarne la natura o per farli oggetto di speculazione intellettuale e/o esistenziale. E' la domanda relativa all'essenza, alla natura e all'origine di ciò che ci circonda ciò che questo linguaggio sottende.
Klaus Wagenbach spiega il linguaggio di Kafka come personale reazione alle tendenze barocche dello stile letterario praghese dell'epoca (Ka 73 e segg., K 57-58).

[8] Dice a proposito Fritz Martini che i racconti sono un modo d'incontrare se stesso mantenendo al tempo stesso la distanza (WS 308), opinione condivisa da Karl-Heinz Fingerhut che considera le figure kafkiane "proiezioni" di se stesso (op. cit. p. 272).

[9] Cfr. Fingerhut, op. cit. p. 271 e Baioni, op. cit. p. 13. Vedi in D 605 la metafora dell'orologio che rappresenta il mondo "interiore" ed il mondo "esterno".

[10] QO 742. Cfr. Baioni, op. cit. p. 20.

[11] E' il significato inafferrabile dei suoi scritti ciò che fa supporre un substrato incomprensibile in termini comuni. Cfr. Emrich op. cit. p. 77. Baioni osserva che "Il mondo interiore che può essere solo vissuto ma non descritto [...] è anche la giustificazione della sua poetica della quale determina i modi e le forme" (op. cit. p. 15), mentre Lukács osserva che l'allegoria è la forma più consona ad esprimere la "scissione del mondo", lo "sfacelo del mondo dell'uomo" proprio delle avanguardie a testimonianza dello sfacelo della società borghese (op. cit. p. 44), ma nota anche il realismo delle descrizioni di Kafka, nonostante tutto (ivi 47), che renderebbe tuttavia solo una "trascendenza" rappresentante il "nulla" (ivi 49).
Kafka in realtà non rappresenta una realtà simbolica o immaginaria, ma la sua vera realtà interiore. Adorno è tra gli studiosi quello che più mostra una sorta di rispetto per il nostro autore, rifiutandosi di incasellarlo nella categoria di "testimone del tempo" o della condizione umana - a suo avviso riduttiva - in polemica con quella che considerava una semplificazione in funzione di un concetto filosofico o sociologico. Critica il concetto di "simbolismo realistico" (op. cit. p. 250) che gli viene ascritto e dice che Kafka non è simbolico, non essendovi in lui l'immediato trapasso in un significato. Per questo preferisce parlare di "allegoria" (la "parabola" di Benjamin, una parabola di cui ci è stata sottratta la chiave - ibidem). Molto interessante è che egli proponga una specie di rispetto e considerazione per il testo, dato che: "Ogni proposizione è letterale, ogni proposizione è significante" (ibidem). Rifiuta quindi filosofemi di vario genere e consiglia di "prendere tutto alla lettera, non sovrapporre al testo concetti dall'alto. L'autorità di Kafka è l'autorità dei testi" (ivi 252). Sul metodo di lettura: "Ma il lettore deve comportarsi con Kafka come Kafka con i sogni. Deve cioè insistere sui particolari incommensurabili, e impenetrabili, sui punti ciechi. Il fatto che le dita di Leni [N.d.R. nel "Processo"] siano unite da una membrana o che gli esecutori abbiano l'aspetto di tenori, è più importante degli excursus sulla legge" (ivi 253). E' un metodo che io stessa ho seguito, tentando di rilevare i "punti cruciali" del discorso narrativo kafkiano.

Per leggere tutto il libro di Elisabetta Bertozzi:

Il testo completo è di 97 pagine (A4) in formato Word (prezzo: 8,00 Euro).
Per ordinarlo rivolgetevi direttamente all'autrice:

Franz Kafka. La scrittura immanente.
Elisabetta Bertozzi

Visitate anche la pagina Web di Elisabetta Bertozzi:

Franz Kafka. La scrittura immanente

Per approfondire:

Franz Kafka in libreria
Qui potete comprare i libri più interessanti di Franz Kafka, biografie e saggi. In lingua italiana e tedesca.

Vedi anche:

Tutte le pagine su Franz Kafka
Introduzione alla lettura, Alla ricerca del padre, le opere di Kafka in libreria, le opere online, links alle risorse di internet. [capitolo]

Tutte le pagine sulla letteratura austriaca
Da Adalbert Stifter a Robert Musil. Gli scrittori di Praga Rainer Maria Rilke e Franz Kafka.
[capitolo]

Tutte le pagine sulla letteratura di lingua tedesca
Da Goethe e Schiller a Grass e Böll. Dai Nibelunghi al Dottor Faust. Sulla fiera dei libri a Francoforte e sul Projekt Gutenberg. [pagine di www.viaggio-in-germania.de]

Iscrivetevi gratuitamente:

Per essere sempre aggiornati sulle novità!

Gli indici di questo sito (più di 300 pagine):

Le città e regioni, viaggiare in Austria
Gli austriaci, la letteratura e la cultura, la società e la storia

La libreria
di questo sito


Libri in lingua tedesca


Libri in tedesco
da webster.it


Libri usati e d'antiquariato


Traduzioni online


250 biglietti da visita - gratis


Tutto per il
vostro viaggio
in Austria


L'Austria in Facebook


Dello stesso webmaster sono:

 Deutsches Italienportal - www.reise-nach-italien.de

 Portale italiano sulla Germania - www.viaggio-in-germania.de


Copyright 2003-2015 ViaggioAustria.com