www.viaggioaustria.com

1938: "Anschluss" - l'annessione dell'Austria
alla Germania nazista

Breve storia dell'Austria

Libri sulla storia dell'Austria

Storia di tedeschi e austriaci

I turchi in Austria

Maria Teresa d'Austria

Il principe di Metternich

Andreas Hofer

Elisabetta d'Austria (Sissi)

Rodolfo d'Asburgo

Massimiliano I - un Asburgo che divenne re del Messico

Il congresso di Vienna (1815)

Il campo di concentramento
di Mauthausen

1938: Anschluss, l'annessione dell'Austria alla Germania

Gli ebrei in Austria

La resistenza austriaca contro Hitler

Praga tra mondo tedesco, austriaco e ceco

Assistenza

Tesi di laurea e tesine

Newsletter

Contatto & copyright

Storia dell'Austria - di Stefan Vajda

Stephan Vajda:
Storia dell'Austria


Altri libri sulla storia dell'Austria

Home > Storia austriaca > 1938: l'annessione dell'Austria alla Germania

Fu una riunificazione pacifica o una violenta occupazione? E cosa ne pensavano gli austriaci e i tedeschi?


12 marzo 1938: la polizia tedesca e quella austriaca
rimuovono insieme le barriere sul confine tra i due stati

1918-1919: fallisce il primo tentativo di un "Anschluss democratico"

Alla fine della prima guerra mondiale crollò il grande impero asburgico. Quel che rimase del grande passato era una piccola repubblica che corrispondeva geograficamente più o meno allo stato odierno dell'Austria. Ma questo nuovo stato, drasticamente ridotto rispetto al vecchio impero, non era molto amato dai suoi abitanti.

Infatti, tra i primi progetti del governo dell'Austria repubblicana e democratica ci fu la richiesta che l'"Austria tedesca" dovesse essere annessa alla Germania. Un trattato tra i due stati era quasi pronto per essere firmato e anche le nuove costituzioni dei due stati prevedevano l'unificazione. Ma i vincitori della guerra lo proibirono categoricamente. Due referendum (nel 1921) nelle regioni di Tirolo e di Salisburgo portarono a più di 99% a favore dell'unità, ma anche il voto popolare non servì a niente.

Per saperne di più:
Tedeschi ed austriaci
i loro rapporti tra ieri ed oggi

Prima parte:
tra il '700 e l'800

Seconda parte:
dal 1871 al 1945

Terza parte:
dal 1945 a oggi

1919-1938: vince il pressing violento dei nazisti

Infatti, i motivi per essere orgogliosi del nuovo mini-stato austriaco non erano molti, anche perché i 19 anni tra la fine della guerra e il famigerato anno 1938 furono pieni di lotte politiche sanguinose tra socialdemocratici, austro-fascisti, cattolici e nazisti, delle volte vicine al limite della guerra civile. Soprattutto dopo il 1933, quando Hitler arrivò al potere in Germania, il pressing dei nazisti sul governo austriaco si fece sempre più forte.

Per contrastare il potere dei nazisti austriaci, che pretendevano, con crescente violenza, l'unione con la Germania, il Cancelliere austriaco Dollfuß nel 1932 installò un regime autoritario, mettendo così fine alla democrazia parlamentare. Ma con questo passo si scavò la propria tomba.

L'assassinio di Dollfuß e di molti suoi sostenitori da parte dei nazisti (25 luglio 1934), peggiorò ulteriormente la situazione interna dell'Austria. Dopo una lunga e durissima campagna politica, che comprese anche minacce di guerra da parte di Hitler, Arthur Seyß-Inquart, un avvocato nazista e fanatico seguace di Hitler, fu nominato Cancelliere d'Austria. Ma solo per un giorno: il suo unico atto da governatore fu quello di invitare l'esercito tedesco ad invadere l'Austria e a indire un plebiscito per confermare l'annessione del suo paese alla Germania nazista.

12 marzo 1938: le truppe naziste invadono l'Austria

Quel giorno, le truppe naziste invasero l'Austria e arrivarono, senza incontrare nessun tipo di resistenza e senza dover sparare un colpo, in poche ore a Vienna. Furono accolte dappertutto con grande entusiasmo.

Le immagini parlano chiaro: l'entusiasmo degli austriaci era vero e sentito.
sopra: i nazisti arrivano a Innsbruck,
sotto: Hitler arriva a Vienna.

Il plebiscito del 10 aprile 1938

Nel mese tra l'annessione e il plebiscito indetto sia in Germania che in Austria arrivò una seconda invasione, quella dei funzionari nazisti che scatenarono una campagna propagandistica che si fece sentire in ogni angolo della vita quotidiana. Bandiere, striscioni e manifesti con slogan e con la svastica comparvero in tutte le città sui tram, sui muri e sui pali; soltanto a Vienna furono affissi circa 200.000 ritratti del Führer in luoghi pubblici. Anche sulla corrispondenza comparve il timbro postale "Il 10 aprile il tuo sì al Führer". I giornali e le radio che erano fermamente in mano nazista martellavano la popolazione austriaca con una continua propaganda per il "sì" e non vi fu nessuno spazio ufficiale per il "no".


La scheda per votare, con un grande "sì" e un piccolo "no".
La domanda era: "Sei d'accordo con la riunificazione dell'Austria con il Reich tedesco
avvenuta il 13 marzo 1938 e voti per la lista del nostro Führer Adolf Hitler?"

Naturalmente stravinse il "sì": in Germania con il 99,60%, in Austria con il 99,71% dei voti. Questo plebiscito violò i più basilari concetti di democrazia e legalità del voto: la domanda a cui si doveva rispondere suggeriva già fortemente la risposta positiva, lo stesso fece la grafica della scheda (vedi sopra). Inoltre, gli ebrei, le persone "di sangue misto" e tutti quelli incarcerati per motivi politici o razziali, cioè complessivamente ca. l'8% della popolazione austriaca, erano esclusi dal voto. Nonostante ciò, il risultato può essere considerato uno specchio abbastanza fedele di quello che pensava la grande maggioranza dei tedeschi e degli austriaci.

Già a due settimane dall'invasione, le truppe tedesche potevano ritirarsi di nuovo in Germania, un'occupazione stabile dell'Austria non era necessaria.

Ma l'entusiasmo sparisce presto


Una foto propagandistica: soldati tedeschi e ragazze austriache

Ma per Hitler il nuovo Reich unito non rappresentava affatto la conclusione di un sogno e l'inizio di un'era di pace. Per lui fu solo la prima tappa di un'escalation che continuò, nello stesso anno, con l'annessione della Cecoslovacchia e nell'anno successivo con l'attacco alla Polonia, cioè con l'inizio della seconda guerra mondiale.

I nazisti tedeschi volevano la trasformazione dell'Austria in una provincia subordinata e la cancellazione di tutte le caratteristiche particolari dell'Austria. Gli austriaci dovevano diventare tedeschi, che lo volessero o no. Prima l'Austria fu chiamata "Ostmark" (Territorio dell'est), poi "Circoscrizione delle Alpi e del Danubio". Il nome tradizionale "Österreich" (Austria) fu ufficialmente abolito dietro minaccia di sanzioni.

Nella sua "Storia dell'Austria" Stephan Vajda scrive: "La prassi quotidiana del nazionalsocialismo si abbatté sull'Austria in tutta la sua cruda rozzezza. Il regime di Hitler, visto da vicino, non si rivelò né ricco di beni materiali o spirituali, né progressista e promettente. Il duro ordine militare tedesco era esattamente l'opposto della mentalità austriaca che per giunta veniva apertamente derisa dai superuomini germanici."
.

Hitler aveva bisogno degli austriaci per la sua guerra che iniziò appena un anno dopo l'annessione dell'Austria. Ma quando gli austriaci furono trascinati nella seconda guerra mondiale la loro iniziale euforia per l'annessione alla Germania era già svanita. Nei territori occupati i soldati austriaci si distinguevano spesso da quelli tedeschi per una maggiore umanità e indulgenza verso la popolazione. Quando la guerra finì la stragrande maggioranza degli austriaci spalancò le porte alle truppe alleate. Goebbels era furioso: "I sobborghi viennesi hanno innalzato in gran parte la bandiera rossa a favore dell'Armata rossa... Il Führer ha già imparato a conoscere i viennesi. Sono gentaglia ripugnante, composta da una mescolanza di Polacchi, Cèchi, Ebrei e Tedeschi."

Per approfondire:

La resistenza austriaca
contro Hitler

Visita guidata virtuale alla mostra
"La virtù nascosta", dedicata alla resistenza austriaca al nazismo.
[7 pagine]

Quegli otto anni del regime nazista in Austria sono bastati a distruggere per sempre il sogno pan-germanico degli austriaci e dei tedeschi. Oggi non c'è più nessuno, né in Austria né in Germania, che ci vuole riprovare. Ed è sicuramente un bene, per tutti e due i popoli...


Hitler parla a una folla di 250.000 persone, sulla "Heldenplatz" di Vienna

Siti internet per approfondire:

Vedi anche:

Tutte le pagine sulla storia dell'Austria
I mille anni di storia dell'Austria, dai tempi dei romani attraverso il grande impero austro-ungarico fino all'Austria di oggi. 
[capitolo]
Tedeschi e austriaci - tra ieri e oggi
Sono uguali o diversi? Si amano o si odiano? Gli uni sono invidiosi degli altri? In questo articolo si parla dei rapporti tra di loro (non sempre facili), nella storia e nel presente.
[3 pagine]

Iscrivetevi gratuitamente:

Per essere sempre aggiornati sulle novità!

Gli indici di questo sito (più di 300 pagine):

Le città e regioni, viaggiare in Austria
Gli austriaci, la letteratura e la cultura, la società e la storia

Libri di storia
e biografie
in lingua italiana


Libri sulla storia austriaca
in lingua tedesca


Libri usati e d'antiquariato


Traduzioni online


250 biglietti da visita - gratis


Tutto per il
vostro viaggio
in Austria


L'Austria in Facebook


Dello stesso webmaster sono:

 Deutsches Italienportal - www.reise-nach-italien.de

 Portale italiano sulla Germania - www.viaggio-in-germania.de


Copyright 2003-2015 ViaggioAustria.com